HomeOlearia San Giorgio, Mimmo FazariPresentazione di Olearia San Giorgio, a cura di Mimmo Fazari

Presentazione di Olearia San Giorgio, a cura di Mimmo Fazari

Il Fenomeno Mimmo Fazari, amministratore delegato della Olearia San Giorgio non ha potuto partecipare alla 2° tappa del nostro evento I Fenomeni di Economy a Cosenza il 07/11/2023, ma ci ha rilasciato una intervista con una breve presentazione dell’azienda.

L’Olearia San Giorgio, situata a San Giorgio Morgeto in Calabria, rappresenta un esempio emblematico di eccellenza nel settore dell’olivicoltura italiana. La sua storia, iniziata nel 1940, ha visto una svolta significativa negli anni ’90 con l’avvento della nuova generazione della famiglia Fazari. Questo periodo ha segnato l’inizio di un’era di innovazione, con l’introduzione di nuovi cloni olivicoli, tecnologie avanzate e sistemi produttivi all’avanguardia.

Oggi, l’azienda si estende su oltre 140 ettari, vantando circa 25.000 piante di ulivo. Questa estensione le conferisce un ruolo quale punto di riferimento nell’olivicoltura calabrese. Uno degli aspetti più rilevanti dell’Olearia San Giorgio è il suo forte impegno nella qualità, che si manifesta nel mantenimento delle antiche tradizioni e nella conseguente ottenimento della certificazione IGP per il suo olio extravergine d’oliva.

La gestione dell’azienda, che coinvolge un team di 40 persone, è esemplare per il suo approccio che non si limita alla produzione di olio d’oliva, ma si impegna anche nella creazione di una filiera produttiva certificata che consente di portare avanti l’arte olearia regionale, combinando sapientemente imprenditorialità e rispetto per il territorio.

Analizzando l’impatto dell’Olearia San Giorgio sul settore, è evidente come l’azienda abbia saputo innovare mantenendo al contempo un forte legame con le tradizioni. L’introduzione di nuove varietà di olive e l’adozione di tecnologie avanzate hanno contribuito a migliorare non solo la qualità del prodotto, ma anche l’efficienza dei processi produttivi. Tuttavia, ciò che distingue l’Azienda è la capacità di coniugare questi elementi innovativi con un profondo rispetto per le tecniche olearie tradizionali e per il paesaggio naturale della regione.

In un’epoca in cui i consumatori sono sempre più consapevoli circa l’origine e la qualità dei prodotti alimentari, l’Olearia San Giorgio si posiziona come un’attività modello. La sua dedizione alla qualità, testimoniata appunto dalla certificazione IGP, offre una garanzia di eccellenza che soddisfa le aspettative dei consumatori più esigenti.

L’Azienda, inoltre, gioca un ruolo fondamentale nel sostegno dell’economia locale, e attraverso la creazione di posti di lavoro e con la promozione di una filiera produttiva locale, contribuisce significativamente allo sviluppo economico della Calabria. Un approccio, questo, che unisce l’impegno per la qualità del prodotto alla responsabilità sociale ed è un esempio di come le aziende possano contribuire positivamente al contesto in cui operano.

L’Olearia San Giorgio rappresenta un caso di studio importante per le aziende che cercano di bilanciare innovazione e tradizione. La sua storia e le sue pratiche offrono preziose lezioni su come modernizzare un’azienda mantenendo al contempo un legame saldo con le radici culturali, produttive e del territorio. Questo equilibrio tra passato e futuro è cruciale per qualsiasi azienda che aspiri a prosperare in un mercato globale sempre più competitivo.

Sintetizzando, l’Olearia San Giorgio non è solo un esempio di successo ne settore dell’industria olearia italiana, ma anche un modello di sostenibilità e responsabilità imprenditoriale. La sua storia, il suo impegno per la qualità e l’innovazione, ed il suo impatto sul territorio calabrese sono tutti elementi che meritano di essere riconosciuti e celebrati.

Sito web: https://www.olearia.eu/

ARTICOLI CORRELATI

IN PRIMO PIANO

I «Fenomeni» di Economy in campo per l’ecosistema

L’impresa deve avere come suo cen­tro l’ecosistema, ossia l’uomo – dice Oreste Vigorito, presidente di Confindustria Be­nevento, che ha ospi­tato la tappa campa­na dei...